Istituto Marconi
Via San Vitale 38 – 40125 Bologna
366 533 0978

COMPITI A CASA: SÌ O NO?

  • Blog

Da sempre nel mondo dell’istruzione il dibattito infiamma: l’imponente mole di compiti assegnati al giorno d’oggi ai ragazzi spinge sempre più persone a chiedersi se siano davvero di effettiva utilità.

 

Oggettivamente è già stato stabilito che in Italia le consegne dei compiti a casa siano quasi sempre in overdose”. Soprattutto nei momenti festivi dove spesso la zavorra di  esercizi, testi da preparare e letture obbligatorie diventano un peso non solo per gli alunni ma anche per la famiglia che deve tenerne conto quando pianifica eventuali viaggi.

La diatriba “compiti a casa sì/compiti a casa no” va avanti oramai da molto tempo, ma in conclusione i compiti servono veramente o sono solo un inutile fardello?

Di base, i compiti servono per fissare ciò che si apprende in classe, per metabolizzare i concetti, per rievocare dalla memoria, per rimanere mentalmente attivi, ma non possono essere troppi e ripetitivi perché alla fine diventano inutili: i ragazzi infatti , quando sono stufi e poco motivati, si trovano a farli tanto per farli, ricercano ogni metodo possibile ed immaginabile per trovarli già fatti, si fanno aiutare da genitori o addirittura li fanno direttamente i genitori stessi.

Tutto questo non serve a niente ai fini formativi, ovviamente, ma alimenta solo un peso interiore nei confronti della scuola e uno stress maggiore in famiglia.

Infatti, finché non sarà chiaro e regolamentato che il lavoro degli studenti dovrebbe essere sempre corretto in classe, non dovrebbe mai essere giudicato con un voto e deve essere assegnato esclusivamente a rinforzo di competenze che gli studenti hanno già acquisito in classe, i compiti non faranno che aumentare – invece che diminuire – il baratro tra chi sa già, e chi non saprà mai.

Il problema sembra risiedere più che altro all’importanza che viene data al “compito” di per sè: diversi studiosi concordano sul fatto che i compiti sono importanti, ma non dovrebbero venir svolti a casa. Il luogo a loro più appropriato non è la famiglia ma la scuola, dove gli studenti possono peraltro godere dell’aiuto sistematico dei loro pari nello svolgimento e nella preparazione del materiale di studio, e dove con un minimo di assistenza possono seguire un programma più strutturato che include per esempio i richiami e le autoverifiche in bianco.

 

COMPITI A CASA: PRO E CONTRO

Se i docenti che seguono il decalogo dei zero compiti a casa sono contro il lavoro eccessivo extra scolastico, ci sono anche quelli che ne evidenziano gli elementi positivi.

I compiti a casa, ad esempio, permettono di verificare quanto appreso. Inoltre permettono di acquisire, specie nelle scuole secondarie, un metodo (che deve tuttavia essere costruito in classe). Inoltre, i compiti di ricerca e approfondimenti, servono a stimolare la curiosità degli alunni, la memoria e la capacità di fare collegamenti logici.

Ovviamente però, affinchè l’assegnazione dei compiti a casa porti ad un qualche beneficio, il carico non deve essere eccessivo perché spesso si rischia di non considerare le difficoltà che alcuni studenti potrebbero incontrare, la differenza di metodo e concentrazione.

Una buona regola sarebbe il considerare, in merito ai compiti a casa, nuovi e innovativi approcci educativi.

Istituto Marconi
Scuola secondaria superiore non statale non paritaria, riconosciuta ex D.M. 82 del 10/10/2008 ed iscritta all'elenco regionale Emilia Romagna

Ai sensi del D.D.G. n. 326 del 17/06/2021